.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


13 novembre 2006

FAZIOSITÀ E DISINFORMAZIONE SU RAI 3

Comunicato Honest Reporting Italia 13 novembre 2006

Lo scorso giovedì 9 novembre vi abbiamo dato conto del silenzio di tutti i nostri mass media sull'accertamento che nessun uso di uranio è stato fatto da Israele in Libano. Quella stessa mattina (purtroppo per ragioni tecniche non ci è stato possibile informarvene subito) è andato in onda un servizio su Rainews24 (Rai 3, h.7:30) basato soltanto sulle bombe lanciate da Israele: mezz'ora di pura propaganda in cui è stato intervistato un giornalista libanese (nessun accenno alle direttive e al controllo di Hezbollah sui giornalisti) e un inglese "esperto" di un'anonima sigla. Nessun israeliano interpellato, due secondi soltanto dedicati al rapporto Onu con tanto di uso di condizionale ("avrebbe appurato che non ci sono tracce di uranio"), mentre tutto il resto riportato con l'indicativo. Come spesso accade quando si vuole strafare con la propaganda, si sono raggiunte note grottesche: un "testimone" ha detto che la radioattività era circoscritta al cratere causato dalla bomba, mentre tutto intorno i valori erano normali, ma hanno concluso la trasmissione dicendo che la radioattività ha già provocato malformazioni congenite (in due mesi? Noi sapevamo che le gravidanze umane ne dovrebbero durare nove ...) e ne andrà di mezzo anche la popolazione israeliana confinante.
Sempre giovedì 9 novembre, nella puntata di "Primo Piano" (sempre Rai 3, ore 23:20) dedicata a problemi di economia nazionale, Bianca Berlinguer conduttrice della puntata non ha voluto perdere l'occasione di commentare quanto accaduto a Beit Hanun rivolgendo nei confronti di Israele e del suo Primo Ministro dure e severe critiche. Ci potremmo chiedere, come si chiede Deborah Fait in questo toccante articolo: "Vorrei sapere se la Berlinguer ha mai cambiato il tema di una trasmissione per mostrare al pubblico l'effetto che fa bruciare vivi in un autobus, vedere i corpi dei bambini israeliani in mille pezzi tanto che i volontari religiosi di Zaka devono raccoglierli con le pinzette dall'asfalto o dai muri delle case. Ha mai mostrato la Berlinguer i corpi di ragazzi israeliani smembrati colle mani nude? Le intere famiglie distrutte mentre mangiavano la pizza? I ragazzini israeliani spappolati mentre entravano in una discoteca? Lo chiedo a lei, Bianca Berlinguer, lo ha mai fatto? È mai venuta a vedere un funerale israeliano di vittime civili di qualche attentato terroristico, il dolore senza fine, le lacrime, le preghiere, gli abbracci, i morti sepolti tra singhiozzi e silenzio, tanto amore e tanta dignità? Non esiste odio per gli assassini, solo lo strazio per dei figli che non vedranno più i loro genitori o di genitori che non vedranno mai più i loro bambini". Ne abbiamo visto tanto invece, di odio, nelle immagini mandate in onda, abbiamo visto l'immonda orgia mediatica dei corpicini oscenamente branditi per meglio esporli alle telecamere, che non abbiamo mai visto né mai vedremo ai funerali delle vittime israeliane degli attentati: perché i morti israeliani non vengono usati a scopi propagandistici; perché i genitori israeliani hanno pudore dei corpi dei propri figli; perché Israele, pur in guerra, non usa i propri bambini come scudi, né davanti ai cannoni, né davanti alle telecamere.
Vi invitiamo a protestare per questa ennesima manipolazione mediatica presso primopiano@rai.it, ant.dibella@rai.it (TG 3), r.morrione@rai.it (Rainews24), ruffini@rai.it (Rai3), o telefonando al numero di Rai3: 06/33543306. Vi invitiamo in particolar modo a chiedere conto ai giornalisti delle FONTI da loro utilizzate nella ricerca delle notizie.

Non c’è molto da aggiungere, solo da denunciare la vergognosa faziosità che continua ad imperversare sui nostri mass media.

barbara




permalink | inviato da il 13/11/2006 alle 20:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 5668492 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA