.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


2 novembre 2006

LA GUERRA DEL LIBANO: QUELLO CHE I GIORNALI NON VI HANNO DETTO

La guerra nel nord è finita – per ora – ed una tesa e fragile "pace" regna sulla Galilea. I residenti della regione stanno ritornando alle loro case devastate, cercando di riattaccare le loro vite andate in cocci. Soldati, uomini della Riserva, famiglie, studenti, persone anziane, nuovi immigrati, bambini – nessuno è rimasto incolume dagli orrori dei missili di Hezbollah, piovuti senza tregua sulle loro case.

                      

                                                

E molti temono che le ostilità possano scoppiare di nuovo in qualsiasi momento.
Nel corso della guerra sono rimasti uccisi 117 soldati e 41 civili.
Quasi 4000 persone sono rimaste ferite.
Circa 400.000 israeliani sono stati costretti ad abbandonare le loro case.
Oltre 6.000 edifici sono rimasti danneggiati da circa 4.000 missili di hezbollah.
Centinaia di aziende, servizi pubblici e banche sono stati costretti a chiudere o sono stati seriamente interrotti in più di 30 paesi e città.
La prima stima dei danni supera i 5 miliardi di dollari.
L'intera popolazione di Israele ha pagato un forte tributo a questa guerra non provocata, ma senza dubbio sono stati i residenti del Nord a pagare il prezzo più alto. I moderni pionieri della Galilea affrontano una nuova realtà "il giorno dopo". […]
In tutto il nord i danni sono immensi. I residenti del Nord di Israele devono ricostruire tutto: le loro case, le loro aziende, le loro comunità – le loro vite. La più forte dichiarazione possibile che possiamo fare, sia ai nostri nemici che ai nostri fratelli e sorelle del nord, è che non solo faremo la ricostruzione, ma andremo oltre, e creeremo comunità piene di vita e con una qualità di vita superiore a quella che è stata distrutta.
Come conseguenza della guerra, molti potenziali studenti del nord non hanno avuto la possibilità di lavorare durante l'Estate per finanziare il prezzo degli studi. Così il numero di studenti registrati nelle università del nord è calato del 30%. Questa situazione avrà serie conseguenze non solo per gli individui, ma anche per le università del nord e per l'intera regione. Le borse di studio per gli studenti del nord, in cambio delle quali essi faranno un volontariato nei programmi delle comunità locali, permetteranno loro di costruirsi il proprio futuro e di aiutare a ricostruire le loro comunità.
Oltre ai danni fisici, la guerra ha lasciato profonde cicatrici emotive sui residenti del nord. Particolarmente vulnerabili sono i bambini ed i ragazzi, che sono stati costretti a passare molte lunghe ore nei rifugi, temendo per le loro vite mentre i missili Katyusha fischiavano sopra le loro teste e quando uscivano fuori dai rifugi per trovare le loro case distrutte.

                                 

I bambini della regione del nord si stanno misurando ora con il trauma personale dei mesi estivi sotto il fuoco, o con quello di profughi costretti ad abbandonare le loro case. Un Nuovo Domani è un programma completo per rinvigorire i bambini ed i ragazzi tramite l'arricchimento educativo e culturale, quali mezzi per misurarsi con questo trauma.
Per i bambini dei nuovi immigranti che vivono nel nord, la lotta dei quali, per comprendere una lingua, una cultura ed una società nuova, è stata aggravata dagli orrori della guerra, il trauma è stato particolarmente acuto. Le vacanze estive sono tipicamente il periodo durante il quale lo staff dei centri di assorbimento si focalizza sui programmi di intervento scolastico, che assistono i bambini a colmare le lacune educative. Ma molti dei 1.500 bambini e ragazzi di nuovi immigranti, viventi nei dieci centri di assorbimento dell'Agenzia Ebraica del nord, sono stati evacuati in colonie estive d'emergenza, mentre altri hanno passato le loro vacanze estive dentro i rifugi. 

                                  

Entrando ora questi bambini nel sistema scolastico israeliano, i programmi speciali faciliteranno il periodo di transizione e miglioreranno la qualità della vita, sia di questi bambini, che dei loro genitori.
(Notizie pubblicate in Keren Hayesod)

E mentre il mondo fa a gara per finanziare la ricostruzione del Libano, Israele come al solito se la deve sbrigare da solo.
(E non dimentichiamo)


barbara

AGGIORNAMENTO OT: ascoltare questo, rubato qui.




permalink | inviato da il 2/11/2006 alle 0:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (51) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA