.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


21 ottobre 2006

AFFIDI NEGATI

Mi sono improvvisamente accorta, nell’accingermi a scrivere questa storia, che ignoro i nomi di tutti i protagonisti, e dunque saranno unicamente la signora, il figlio, il nipote. La signora, svizzera, l’ho conosciuta al mare: una bellissima donna, sui quarantacinque-cinquanta, credevo io, e invece ne aveva sessantacinque, splendidamente portati nonostante una vita di sofferenza e di violenze, fisiche e psicologiche. Me l’ha raccontata un po’ alla volta la storia di quel suo figlio un po’ sventato che a vent’anni si è ritrovato padre. Lei gli aveva suggerito prudenza: riconosci i bambino, stai vicino a lui e a sua madre, aiutali finanziariamente, ma pensaci un po’ prima di affrontare il matrimonio: è una scelta di vita, non si può deciderlo sull’onda di un’urgenza. Anche la madre della ragazza lo aveva messo in guardia: guarda che mia figlia non è una da sposare. L’amore è cieco, si sa: non ha dato retta a nessuno e nel giro di poche settimane si è sposato. Due mesi dopo la nascita del bambino lei era già in giro a cornificarlo a destra e a manca, dopo un altro paio di mesi se n’è andata e quando il bambino aveva un anno lo ha depositato in un istituto ed è scomparsa per sempre. La signora, allora, ne ha chiesto l’affido, e ha così scoperto che la legge svizzera non consente l’affido ai nonni: perché sono vecchi e non possono dare prospettive a un bambino, è la motivazione. La signora, per inciso, all’epoca aveva 45 anni: un’età in cui quasi tutte noi siamo ancora in grado di avere figli, e parecchie effettivamente li fanno. Niente. Il bambino è stato dato in affido a una famiglia, e lei e suo figlio andavano periodicamente a trovarlo. Si sono accorti, dopo qualche tempo, che il bambino aveva sempre le orecchie piene di croste. Ma tu guarda in che razza di sporcizia lo tengono, si sono detti. Ci hanno messo un bel po’ prima di rendersi conto che non era sporcizia: era sangue rappreso. Il bambino veniva sistematicamente seviziato. Hanno denunciato la cosa e hanno ottenuto che il bambino venisse tolto a quella famiglia, e hanno nuovamente chiesto l’affido: pensavano che, vista la situazione, si potesse ottenere una deroga. Niente deroga. Neanche in considerazione del fatto che, compatibilmente con gli impegni lavorativi, ci sarebbe stata una qualche presenza anche del padre – sia naturale che legale - del bambino: lei era la nonna e ai nonni l’affido non si dà. Punto. È stato riportato all’istituto e dopo qualche tempo affidato a una nuova famiglia. Anche questa, si è ad un certo punto scoperto, lo sottoponeva a sevizie fisiche e violenze psicologiche di ogni sorta. La nonna ha chiesto ancora una volta l’affido: negato. Il bambino è tornato all’istituto, e vi è rimasto fino alla maggiore età. Aveva vent’anni quando ha tentato per la prima volta il suicidio. A ventitre, al quinto tentativo, ci è finalmente riuscito. Alla nonna – sarà un caso, certo – pochi mesi dopo è stato diagnosticato un cancro al seno che, nonostante operazione e chemio e radiazioni e non so che altro, in due anni l’ha uccisa. Ma la legge è stata rispettata, la legalità è stata salvaguardata, ed è questo che conta.

barbara




permalink | inviato da il 21/10/2006 alle 0:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA