.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


15 ottobre 2006

LA LUNA E IL SUO BARDO – CAPITOLO 3

Tutti gli uomini, ormai, sulla terra, si erano accorti che la luna non era più quella. La luce del sole non riusciva più a nutrirla, e sempre più pallida e opaca si trascinava ogni notte nel suo lungo giro. Sempre più lenta percorreva il suo tragitto: malata d’amore, non riusciva più a vivere senza il suo menestrello. A volte, verso la fine della notte, del tutto esausta, si accasciava senza neppure terminare il suo giro celeste, e lasciava intere lande prive della sua luce. Gli uomini, colti dal terrore di perdere l’argentea regina del cielo, guardavano in su, si interrogavano, senza trovare risposta e, soprattutto, senza trovare soluzione. Nessuno, del resto, trovava una soluzione: a tutti ormai si era rivolta la triste regina innamorata, a tutti aveva chiesto aiuto, ma da nessuno lo aveva trovato, nessuno aveva notizie del menestrello scomparso.

E tuttavia qualcuno sapeva, qualcuno il cui sguardo poteva trapassare le pietre e le rocce, gli abissi e le distanze siderali. Sì, qualcuno sapeva. Ma non poteva parlare: era lo spirito della ninfa Crisolina. Era stata una ninfa buona, nella sua millenaria esistenza: aveva aiutato gli amanti disperati e le anime infelici, aveva ritrovato fanciulli smarriti nei boschi e salvato giovani caduti nelle acque dei laghi e dei ruscelli. Ma aveva suscitato l’ira delle dee invidiose della sua ineguagliabile bellezza, e la rabbia degli dei che mai avevano potuto possederla, né con lusinghe, né con minacce. Alla fine avevano deciso di punirla: poiché non potevano ucciderla, né farla scomparire, l’avevano attirata con un inganno nella residenza degli dei, l’avevano legata e posta su un braciere. Lì l’avevano lasciata ardere per diecimila anni, finché il suo corpo non fu del tutto consumato, poi avevano imprigionato il suo spirito fra due grosse pietre di una piramide, affinché non potesse mai più comunicare con alcuno. Infine, affinché ancora più grande fosse il suo tormento, le avevano dato la visione degli universi: tutto ciò che avveniva, lo spirito di Crisolina lo sapeva, ma non lo poteva comunicare a nessuno. E così aveva visto la luna di elul assalita dagli uomini malvagi fra le sabbie del deserto e depredata di tutto, aveva visto la sua straziante agonia, il consesso degli astri, l’arrivo del menestrello che, guidato dal proprio amore, l’aveva salvata. E aveva visto anche ciò che al dolce menestrello era poi accaduto. E aveva visto la splendida luna, disperata per la perdita del suo amato, trasformarsi in una povera cosa opaca, decisa ormai a voler morire piuttosto che vivere senza di lui. Tutto, tutto aveva visto lo spirito di Crisolina, che ora si consumava dal desiderio di aiutare quelle anime infelici, ma che fare? Che fare?

barbara




permalink | inviato da il 15/10/2006 alle 1:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA