.

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


9 ottobre 2006

VAJONT, 9 OTTOBRE 1963

Vajont, quasi una tragedia greca

Trentacinque anni dopo, la diga è ancora lì. Nessuno ha avuto interesse a conservarla, ma la grande vela di cemento da 261 metri ha resistito bene contro il tempo, come contro il collasso monumentale del monte alle sue spalle.
Il 9 ottobre 1997, l’attore Marco Paolini ha raccontato la storia del Vajont a quelli, in Italia, che non la conoscevano; ed erano moltissimi.
Una settimana dopo la valle era invasa dai turisti, forse per la prima volta. E per la prima volta la gente andava sul posto per vedere la diga; la montagna franata che ha riempito completamente il vecchio bacino.
E i cimiteri di quelli che morirono nella sciagura.

In effetti, la storia del Vajont è più di una cronologia fra operazioni tecniche ed eventi naturali; sembra piuttosto un complesso di fattori che si possono leggere in modo diverso.
Quelli che costruirono la diga del Vajont erano convinti di lavorare ad un capolavoro, nella storia dell’Ingegneria. Doveva essere la più grande diga a doppio arco mai progettata; e la più alta in Europa.
Come qualcuno disse in quei giorni, la diga del Vajont era effettivamente un capolavoro. Ma nessuno aveva notato che nell’entusiasmo per la grande sfida, era stato commesso un banale errore.
Così, a quegli ingegneri, imprenditori, progettisti e politici, sembrò improvvisamente assurdo che una macchina del genere fosse condannata, prima ancora del collaudo, ad una morte completa ed immediata. E perché? Perché, diamine, quasi tutto il fianco sinistro del serbatoio non poteva reggere la presenza di un lago artificiale.
Il Monte Toc aveva dato confusi ma importanti elementi per sospettare che non avrebbe sostenuto sollecitazioni di quella entità; e le indagini avevano indicato chiaramente che c’era qualcosa di certamente anomalo.
Furono fatti tentativi di valutare l’entità della potenziale massa di frana, e i risultati mostravano rischi al di là di ogni possibile stima superficiale.
Dopo la prima frana, nel 1961, e la comparsa della grande "M" che indicava con certezza l’entità della massa in movimento, una conclusione era stata tratta.
La frana sarebbe potuta essere enorme, ed estremo il rischio per tutta la zona, se il piano di scivolamento fosse stato "anche leggermente" inclinato verso il lago.
È piuttosto probabile che la continua osservazione della frana dal 1961 al 1963, avrebbe consentito di prevedere che il complesso del Vajont doveva essere fermato; o almeno sospeso nella sua attività, per consentire più importanti e pubblici esami.
Ora, proviamo a immaginare le barzellette che sarebbero state inventate sugli scienziati e finanzieri che avevano costruito la diga:
«Ah, quel coso lì? Serve per fermare il vento all’entrata della valle!»
Onorate carriere nel mondo accademico, tecnologico ed economico, distrutte perché che nessuno aveva fatto esami geologici profondi in tutta la valle, ma solo nei costoni in cui era piantata la diga.
Questo non era accettabile, per loro: provarono a sistemare la cosa segretamente, e divennero, in pratica, assassini.
Cosa è avvenuto, dunque?
È facile dire che fossero solo capitalisti senza scrupoli. Ma c’è dell’altro; qualcosa di molto più radicato nella natura umana.

La diga del Vajont era equipaggiata con strumenti che integravano quanto appariva anche all’esterno.
L’ultimo giorno, il Monte Toc stava dando l’ultimo, fatale avvertimento: vibrazioni del suolo, crepitii sotterranei e fratture visibili. Gli alberi sulla frana cadevano, mentre i sismogrammi indicavano l’avvicinarsi della fine.

Giancarlo Rittmeyer, che era di guardia al complesso la notte del 9 ottobre, probabilmente non dormì per niente.
Dovette rendersi conto che poteva accadere qualcosa di terribile; ma evidentemente non arrivò a capire che si stava preparando una catastrofe biblica; e certamente non capì che quella era la sua ultima notte.
Avvertì Venezia che la situazione precipitava; ma aspettò un’autorizzazione ufficiale prima di chiedere ai Carabinieri lo sgombero delle frazioni basse di Erto
Continuò a pensare che una frana poteva cadere; ma che non sarebbe stato quello che poi fu.
Rittmeyer e i suoi uomini avevano un rifugio di emergenza nella parete di roccia del Toc, presso la cabina di controllo; ma non bastò a salvarli. Nessuno di quelli che erano alla diga, quella notte, sopravvisse.
Rittmeyer sperò che non succedesse davvero. E non fece quello che sarebbe stata una soluzione estrema, come abbandonare la diga lui e il suo personale, dopo aver ordinato direttamente, per telefono, l’evacuazione di emergenza di Erto, Casso e Longarone.
Perché? Perché sperò, fino all’ultimo, che il danno non sarebbe stato grave; che la frana sarebbe magari scesa piano, assestandosi, senza uccidere nessuno. E soprattutto, perché lui non aveva autorità sufficiente per ordinare uno sgombero massiccio, soprattutto senza autorizzazione dei suoi capi.
Eppure, se lo avesse fatto, è probabile che gli avrebbero creduto, e magari alcune delle vittime del Vajont sarebbe potuta essere salvata.
Adesso; è possibile che egli arrivò perfino a pensare, una cosa del genere: ma come poteva compiere un’azione così azzardata, contro tutti i suoi superiori che continuavano a dirgli: "State calmi, non preoccupatevi?".
Per le informazioni che gli avevano dato, la frana non sarebbe stata catastrofica. C’era perfino una relazione tecnica in cui si diceva che, con l’acqua a 700 metri "ogni possibile evento di frana" non avrebbe provocato danni.
Se Rittmeyer avesse fatto qualcosa di spettacolare, per esempio chiedere personalmente l’evacuazione di massa,
e la frana non fosse caduta: chi gli avrebbe mai più dato un lavoro?
Rittmeyer è solo uno – innocente, in sostanza- dei molti attori in questa tragedia moderna.
Eppure, nella storia del Vajont ci sono molti elementi della classica tragedia greca:
"Hybris": lo slancio arrogante per piegare gli elementi a ciò che vogliamo.
"Peripetheia": il brusco cambiamento tra un risultato atteso, e una fine incontrollata.
"Pathos": l’improvvisa e terrificante distruzione delle speranze e delle attese; qualcosa che porta un uomo, dalla convinzione di essere un generoso benefattore dell’umanità, alla consapevolezza di essere l’omicida di duemila innocenti.
(Chi fosse interessato, può trovare qui il resto di questa interessante e accurata ricostruzione della tragedia, e qui foto e disegni che ne chiariscono ulteriormente la dinamica. Su segnalazione di nullo, suggerisco anche la lettura di questo bellissimo articolo di Dino Buzzati).

Ero bambina, ma me la ricordo bene. Ricordo bene l’impressione per questa immane tragedia, per tutti quei morti, per quella spaventosa devastazione. Ricordo anche il commento finale dei miei: “Sassini! E dopo ‘ndarà finire che i trova dei boni avocati e no va in gaèra nisuni”. E non ci è andato nessuno, infatti.



Longarone prima


Longarone dopo

   


E ricordiamo.

barbara

AGGORNAMENTO OT: qui un appello da firmare per l'informazione sul Darfur. Correte tutti.




permalink | inviato da il 9/10/2006 alle 0:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (41) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 3312941 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA