.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


18 settembre 2006

MA PERCHÉ? PERCHÉ NO

Succede che in un Paese quasi fuori dal mondo, in cui si parla una lingua che, al di fuori dei confini nazionali, sarà conosciuta forse (forse) da una dozzina di persone, un giornale pubblica delle vignette in cui si adombra l’ipotesi che l’islam non sia il massimo in termini di amore e fratellanza. Succede che un signore islamico amante della pace ci si mette di buzzo buono a rivelare il misfatto alle masse islamiche per lo più analfabete, e attacca a battere madrase e moschee, e dopo cinque mesi di indefesso lavoro arriva finalmente il risultato: le masse islamiche, oltraggiate dal sospetto che loro non siano la bontà personificata, si danno a saccheggiare e incendiare, distruggere e devastare, e naturalmente uccidere. E i nostrani leccaculo di terroristi che cosa fanno? Si indignano. Si angosciano. Si arrabbiano: è colpa nostra. Abbiamo provocato. Abbiamo mancato di rispetto. La libertà di pensiero, di parola, di stampa non è affatto questo. Non si fa. E poco importa che da loro si pubblichino vignette in cui il papa con tonaca alzata e braghe abbassate si appresta a infilare un cazzo grande come un paracarro nel culo di un vescovo, a sua volta con tonaca alzata e braghe abbassate, piegato a 90 gradi. Poco importano le loro vignette che prendono per il culo Gesù Cristo o la Shoah. Poco importano i budda distrutti, poco importano chiese e moschee devastate, poco importano i 250 milioni di cristiani oppressi nei paesi islamici, poco importano le decine di migliaia di cristiani assassinati ogni anno: è la libertà di pensiero, bellezza! Ma come, loro sì e noi no? Esatto: loro sì e noi no: Ma perché? Perché no.
E poi arriva (finalmente) un papa che, almeno all’apparenza, sembra (sembra) non essere dedito a leccare incondizionatamente il culo ai terroristi. Succede che un giorno dice, più o meno, che il terrorismo non è mica tanto una bella cosa, che forse il padreterno non è mica tanto contento che si vada in giro a sgozzare la gente in nome suo. E le masse islamiche, tanto per cambiare oltraggiate per l’infame insinuazione, danno l’ultimatum: o ritiri quello che hai detto e ti scusi per avere insinuato che siamo cattivi, o ti dimostriamo che ti sbagli sfracellando tutto. E tanto per cominciare, giusto come stuzzichino, cominciano a bruciare qualche chiesa, a far fuori qualche volontaria cristiana che ha dedicato la vita intera al soccorso disinteressato dei più poveri. E i nostrani leccaculo di terroristi che cosa fanno? Si indignano. Si angosciano. Si arrabbiano: è colpa nostra. Abbiamo provocato. Abbiamo mancato di rispetto. La libertà di pensiero, di parola, di stampa non è affatto questo. Non si fa. Non bisogna provocare gli amici islamici. Non bisogna smettere di leccare i loro sacri e delicati culetti, mai. Mai? Mai. Neanche per un attimo? No, neanche per un attimo. Ma perché? Perché no.

barbara

Aggiornamento neanche poi tanto OT: leggere qui.




permalink | inviato da il 18/9/2006 alle 15:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (95) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA