.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


13 settembre 2006

AIUTI A HAMAS E LA FRODE UNRWA

L’articolo è di qualche mese fa, ma purtroppo non c’è alcun pericolo che appaia invecchiato.

La notizia buona è che gli Stati Uniti sembrano mantenersi fermi nel rifiuto di continuare a far affluire denaro all'Autorità Palestinese una volta saliti al potere gli uomini di Hamas recentemente eletti. Sebbene molti pensassero che Washington si sarebbe ben presto piegata su questa questione, l'amministrazione si sta attenendo alla linea della fermezza contro l'invio di anche solo un centesimo a Hamas. E il Congresso è pronto ad approvare misure restrittive che potrebbero funzionare da argine rispetto ad eventuali impulsi del Dipartimento di stato a cedere su questo tema.
Ma qui arrivano le brutte notizie. Stati Uniti e Unione Europea (che pure sta valutando un taglio degli aiuti all'Autorità Palestinese) intendono inviare come aiuti umanitari molti di quei soldi che finora sono stati usati per mantenere la cleptocrazia dell'Autorità Palestinese. Così, pensano, i palestinesi innocenti non saranno costretti a soffrire per i crimini dei loro nuovi capi. Il ragionamento sembra molto logico e umano. Il solo problema è che l'ente umanitario che riceverà il grosso degli aiuti è una delle agenzie più pervasivamente politicizzate e infiltrate da terroristi che vi siano al mondo, e cioè l'UNRWA (United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East).
Da cinquantasei anni l'UNRWA impersona il simbolo stesso del doppio standard applicato dalla comunità internazionale per quanto riguarda la guerra del mondo arabo contro Israele. Mentre le Nazioni Unite si occupano di tutti gli altri profughi del mondo attraverso un'unica agenzia – L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (United Nations High Commissioner for Refugees, UNHCR) –, per i profughi palestinesi è stata creata un'agenzia apposita, l'UNRWA appunto, che ha un mandato specifico e diverso. Purtroppo infatti, a differenza di tutti gli altri enti di aiuto ai profughi (compresi quelli che si sono occupati delle centinaia di migliaia di ebrei fuggiti dalle terre arabe dopo l'indipendenza di Israele), la principale ed esplicita missione dell'UNRWA non è mai stata quella di aiutare i palestinesi ad affrontare la realtà delle cose dopo la guerra del 1948. Aiutare i profughi palestinesi a reinserirsi non era il suo scopo. L'UNRWA esiste per lo scopo contrario: per mantenere i profughi palestinesi esattamente nella condizione e nel luogo in cui si trovano, affinché possano servire per giustificare l'infinita guerra contro Israele. Come è stato documentato da una serie di rapporti della Jewish Telegraphic Agency (http://www.jta.org), il curriculum dell'UNRWA è intessuto di complicità non solo con gli obiettivi politici del movimento palestinese, ma anche con le sue azioni più violente. Molti impiegati dell'UNRWA sono membri non solo delle principali fazioni terroristiche palestinesi come Fatah, ma anche del gruppo jihadista Hamas. Non più di due anni fa l'UNRWA si è trovata in grande imbarazzo quando il suo direttore di allora, il burocrate norvegese Peter Hansen, cercò di sostenere che questo fatto non era poi così importante. In effetti, fra i candidati della lista Hamas eletti nelle recenti elezioni palestinesi, un certo numero risulta sul libro paga dell'UNRWA. Naturalmente, perché mai dovrebbe preoccuparsi di queste infiltrazioni uno come Hansen, che nel 2002 contribuì in prima persona a diffondere la menzogna secondo cui le Forze di Difesa israeliane avevano commesso un indiscriminato massacro di civili nel campo profughi di Jenin? Il signor Hansen non si limitò a imbrogliare sul numero di vittime a Jenin, dove palestinesi armati di Hamas e Fatah avevano impegnato in una battaglia campale i soldati israeliani mandati a distruggere le basi del terrorismo all'indomani di una serie spaventosa di attentati stragisti palestinesi. Egli raccontò anche delle frottole sul dato di fatto che quello, come altri campi dell'UNRWA, da lungo tempo era stato praticamente trasformato in una roccaforte per i gruppi terroristi palestinesi sovvenzionata dall'Onu.
Hansen e l'UNRWA hanno approfittato del prestigio del loro puntello "umanitario" per attaccare regolarmente Israele per le sue operazioni nei campi palestinesi, senza menzionare quasi mai il fatto che Israele stava reagendo all'aggressione del terrorismo palestinese. Ma, di nuovo, questo è dovuto al fatto che l'Onu ha sempre preferito chiudere gli occhi sulla circostanza che quei campi sotto la sua giurisdizione erano i luoghi dove venivano pianificate e organizzate le stragi terroristiche.
Dipendenti dell'UNRWA hanno usato le strutture dell'agenzia per mettere terroristi al riparo da Israele, fino al punto di usare le sue ambulanze per trasportare armi e assassini. Hamas ha persino gestito la sua nuova emittente televisiva dall'interno di una moschea relativamente al sicuro nel campo profughi di Jabalya, gestito dall'UNRWA.
Quand'anche tutto questo non fosse sufficiente per far suonare un campanello d'allarme sulla realtà dei campi UNRWA, anche solo lo stillicidio costante di palestinesi che all'interno di questi campi restano vittime di "incidenti sul lavoro" – frutto di esplosioni accidentali di ordigni in preparazione per attentati terroristici – dovrebbe cancellare ogni dubbio anche del più ingenuo degli osservatori. (
Jonathan S. Tobin, Jerusalem Post, 19 marzo 2006 - da israele.net)

E invece non lo cancellerà: scommettiamo?


barbara




permalink | inviato da il 13/9/2006 alle 15:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA