.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


30 agosto 2006

IMMIGRATI CLANDESTINI: QUALCHE RIFLESSIONE, QUALCHE DOMANDA

Arrivano in continuazione, barconi su barconi, a decine, a centinaia. Quelli che li portano, si dice, pretendono un sacco di soldi: mille dollari a testa, a volte millecinquecento, a volte duemila, a volte di più. Quelli che arrivano, ci viene raccontato, sono dei disperati: vengono da aree in cui quelli fortunati guadagnano due dollari al giorno; quelli che arrivano qui, che lasciano tutto e si buttano allo sbaraglio, i disperati, credo di poter supporre, non fanno parte dei più fortunati. E chi guadagna un dollaro al giorno e ha una famiglia da mantenere difficilmente, penso, troverà modo di accantonare risparmi per pagare qualcuno che li porti qui. E dunque la prima domanda è: dove trovano tutti questi soldi? Chi glieli dà? E se consideriamo che ne arrivano decine di migliaia ogni anno e che chi finanzia tutto questo deve tirare fuori decine di milioni di dollari all’anno, la seconda domanda è: perché paga queste cifre astronomiche? In cambio di cosa? Con quale finalità? Se si tratta di beneficenza, perché persone tanto generose non offrono a queste persone il modo di crearsi condizioni di vita decenti nel proprio Paese, invece di mandarli allo sbaraglio in Paesi di cui non conoscono neanche la lingua? Un’altra osservazione riguarda il fatto che questi clandestini arrivano con la famiglia: bambini, anche piccoli, anche neonati; mogli, a volte incinte – a volte anche molto molto incinte. Si tratta di viaggi rischiosissimi, su carrette tenute insieme con lo sputo, attraverso un mare non sempre benevolo, con scafisti non sempre provetti: non sarebbe più logico che arrivassero gli uomini da soli e solo poi, una volta trovato modo di sistemarsi, facessero venire anche il resto della famiglia? E invece no, fanno venire tutti – altri mille-duemila dollari a testa anche per loro - facendo rischiare la vita a tutti loro, facendogliela, non di rado, perdere. La terza domanda è: perché?

barbara




permalink | inviato da il 30/8/2006 alle 0:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (47) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA