.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


15 agosto 2006

E FOSSE ALMENO SERVITO

    

 















Poi c’erano le serre, che davano lavoro ad alcune centinaia di palestinesi:







Un filantropo americano le ha comprate per regalarle ai palestinesi, affinché non perdessero i loro posti di lavoro. Le hanno ridotte così:

 

 

E le sinagoghe. Le case le avevano demolite, gli israeliani, prima di lasciarle, su precisa richiesta dell’Autorità Nazionale Palestinese, ma le sinagoghe no: più di tanto non si può ragionevolmente chiedere, neanche a dei masochisti nati come gli israeliani. Questo è quanto avvenuto alle sinagoghe una volta rimaste in mano palestinese.

  



 



Con la vetta di grottesco raggiunta dal Corriere della Sera che ha commentato questa foto

con la didascalia “Un palestinese partecipa alla devastazione della moschea di Netzarim (Reuters)”. D’altra parte, se si pensa alla fine che hanno fatto TUTTI indistintamente i luoghi santi ebraici, compresi quelli storici, man mano che Israele, in base agli accordi di Oslo, consegnava le terre in mano palestinese, non è molto logico sorprendersi di quanto accaduto a Gaza.
Per non parlare di quello che è successo dopo. Lo so, non è bello dire “Io l’avevo detto”. Però lo avevo detto. Lo avevo sempre detto che il ritiro avrebbe fatto aumentare il terrorismo. Lo avevo sempre detto che il ritiro avrebbe portato alla catastrofe. Perché era logico. Perché era evidente. Perché era chiaro come il sole. Lo avevo detto anche per il Libano, cinque anni prima, ma allora era solo un forte timore. Dopo di quello no, nessuno poteva più dubitarne: dopo il ritiro dal Libano le conseguenze catastrofiche del ritiro erano una certezza assoluta. I fautori del ritiro dicevano: “Dopo sarà tutto più chiaro. Ogni aggressione, dopo, risulterà chiaramente un’aggressione agli occhi del mondo intero. A ogni aggressione, dopo, risponderanno immediatamente, e nessuno al mondo potrà più avere da ridire”. Bene, lo abbiamo visto. Per un anno intero si sono armati, e Israele non ha fiatato. Per un anno intero hanno fatto attentati, e Israele non ha fiatato. Per un anno intero Israele si è lasciato bastonare. Poi, quando è stato portato un vero, autentico atto di guerra da Gaza in territorio israeliano, Israele si è finalmente deciso a rispondere e nel mondo intero si è scatenata la solita canea: criminali, assassini, nazisti. Come prima. Peggio di prima. Pare che Hitler abbia detto: “Il mondo mi ringrazierà per avergli sbrigato il lavoro sporco”. Probabilmente aveva ragione. E oggi, con ancora maggiore probabilità e attendibilità, potrebbero dire la stessa cosa hamas e hetzbollah.

barbara

Aggiornamento (parzialmente OT): dura neanche due minuti, ma ci ho pianto tutte le mie lacrime. Rubato a lui.




permalink | inviato da il 15/8/2006 alle 0:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (54) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA