.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


19 giugno 2006

COME MANIPOLARE LE RISOLUZIONI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA DELL’ONU

Si immagini di assistere a una partita a scacchi e di cercare di capire le mosse dei pezzi neri senza poter vedere i pezzi bianchi. O di assistere alla differita di una partita di calcio dalla quale siano stati tagliati i fischi dell'arbitro verso una squadra per dare l'impressione che il gioco dell'altra sia inutilmente aggressivo e scorretto. Questa più o meno è l'operazione che hanno fatto gli autori (anonimi) di un documento che ultimamente va per la maggiore su internet. Titolo: "Settantatre risoluzioni dell'Onu di condanna a Israele". Sottotitolo (insinuante): "Nessun ispettore, nessuna guerra per farle rispettare". Segue un nudo elenco di risoluzioni del Consiglio di Sicurezza che "esprimono condanna all'operato di Israele", citate per numero e data e accompagnate da brevi "estratti che ne illustrano il contenuto". Insomma: un documento che parla da sé, che non ha bisogno di commenti tanto è evidente il torto di Israele.
E invece di commenti ha bisogno eccome. Per questo ci sentiamo costretti a tornare, con maggiore dettaglio, su un tema già affrontato su queste pagine (Vedi NES ott. 2002: Il falso parallelo).
Innanzitutto le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza non sono tutte uguali. Vi sono quelle approvate sulla base del Capitolo 6 della Carta delle Nazioni Unite e quelle sulla base del Capitolo 7. Il Capitolo 6 si intitola "Composizione pacifica dei conflitti" e afferma (art. 33) che "le parti in causa in un conflitto […] dovranno innanzitutto cercare una soluzione […] con mezzi pacifici". Quando il Consiglio vota sulla base del Capitolo 6 è come se dicesse agli Stati in guerra fra loro: "Dovete negoziare per comporre il conflitto e dovete farlo sulla base delle linee che vi indico". Il Capitolo 7, invece, si intitola "Azioni in caso di minacce alla pace, violazioni della pace e atti di aggressione". Gli articoli di questo Capitolo conferiscono al Consiglio la responsabilità di individuare le minacce alla pace mondiale e gli danno facoltà di varare risoluzioni con valore esecutivo e vincolante, autorizzando la comunità internazionale a ricorrere a varie forme di coercizione per ottenere la loro applicazione, dalle sanzioni fino all'uso della forza militare. Quando il Consiglio vota sulla base del Capitolo 7 è come se dicesse a uno Stato: "Il tuo comportamento mette in pericolo la pace del mondo: o ti adegui a quanto di dico di fare o interveniamo con la forza".
Ora, come ricordava qualche mese fa anche l'Economist (10.10.02), "nessuna delle risoluzioni a proposito del conflitto arabo-israeliano è stata emanata ai sensi del Capitolo 7. Imponendo sanzioni anche militari contro l'Iraq, ma non contro Israele, l'Onu non fa che rispettare le sue stesse regole interne". E aggiungeva: "Che le risoluzioni ai sensi del Capitolo 7 siano diverse, e che nessuna di esse sia stata approvata contro Israele, è un fatto riconosciuto dagli stessi diplomatici palestinesi", che infatti se ne lamentano. Quella irresponsabile minaccia nel titolo del documento ("nessuna guerra per farle rispettare") può essere stata scritta solo da una persona molto ignorante o in mala fede.
Vale la pena sottolineare che la distinzione fra Capitolo 6 e Capitolo 7 non è puramente formale. Essa riflette due situazioni politiche completamente diverse. In un caso, infatti, il Consiglio di Sicurezza individua nel regime iracheno e nei suoi comportamenti una minaccia alla stabilità e alla pace regionale e mondiale. Pertanto il Consiglio esige da quel regime comportamenti diversi, pena il ricorso alla forza. Nell'altro caso, invece, il Consiglio di Sicurezza deve promuovere la composizione di un conflitto arabo-israeliano pluri-decennale che vede coinvolte più parti, ognuna con le proprie responsabilità. Ma gli autori del documento vogliono che le responsabilità siano solo di Israele e dunque riportano, di molte risoluzioni, solo la parte che si rivolge a Israele, convenientemente scordando l'altra parte, quella che si rivolge agli arabi. Appunto, come una partita truccata.
Così ad esempio, è vero - come dice il documento - che le risoluzioni 1402 e 1403 (2002) chiedevano "alle truppe israeliane di ritirarsi dalle città palestinesi". Ma chiedevano anche e contemporaneamente "l'immediata cessazione di tutti gli atti di violenza, compresi tutti gli atti di terrore, provocazione, istigazione". In sostanza il Consiglio di Sicurezza ribadiva che solo un cessate il fuoco "significativo" (meaningful, nel testo originale), cioè non a parole, unito a un ritiro israeliano dalle ultime posizioni rioccupate, avrebbe permesso la ripresa del negoziato di pace. Tacendo mezza risoluzione, gli autori del documento fanno dire al Consiglio che Israele doveva ritirarsi senza se e senza ma, mentre i palestinesi potevano continuare con spari e attentati. Giudichi il lettore se è la stessa cosa.
Allo stesso modo, è vero - come dice il documento - che la risoluzione 1435 (2002) chiedeva a Israele "la fine immediatamente delle misure prese a Ramallah e dintorni" e "il rapido ritiro delle forze di occupazione israeliane dalle città palestinesi". Ma è vero anche che essa ribadiva "la richiesta di una completa cessazione di tutti gli atti di violenza, terrorismo, provocazione istigazione", e faceva "appello all'Autorità Palestinese affinché adempia al suo esplicito impegno di garantire che i responsabili di atti terroristici vengano da essa assicurati alla giustizia". Ma di nuovo, questa parte della risoluzione è scomparsa.
Il più delle volte il Consiglio di Sicurezza, quando chiama in causa Israele, formula anche contemporaneamente precise richieste alle controparti arabe, e ciò per la ovvia considerazione che la pace in Medio Oriente non può essere fatta da una parte soltanto. Ma questo è appunto ciò che gli autori del documento non vogliono capire (o farci capire).
Non basta. Gli autori non omettono solo pezzi di risoluzione. Omettono anche intere risoluzioni. Ad esempio, per restare nel 2002, non viene citata la 1397. Come mai? Forse perché esprimeva "grave preoccupazione […] per i recenti attentati", chiedeva "l'immediata cessazione di tutti gli atti di violenza, terrorismo, provocazione, istigazione" ed esortava "le parti israeliana e palestinese e i loro dirigenti a cooperare nella realizzazione del piano Tenet e del Rapporto Mitchell, allo scopo di riavviare i negoziati per una composizione politica": tutte cose che la parte palestinese, non quella israeliana, si è rifiutata di fare.
Vistosa, poi, l'assenza di una delle più importanti risoluzioni del Consiglio di Sicurezza di tutta la storia del conflitto: la 242 del 1967. Di nuovo, come mai? Forse perché chiedeva (agli arabi, ovviamente) la "fine di ogni stato di belligeranza" e il "riconoscimento del diritto [di Israele] di vivere in pace entro confini sicuri e riconosciuti, libero da minacce o atti di forza"?
Della 425 (1978) si dice che "ingiungeva a Israele di ritirare le sue forze dal Libano". Ma non si ricorda che chiedeva anche il ripristino della pace al confine israelo-libanese e un "rigoroso rispetto della integrità territoriale, sovranità e indipendenza politica del Libano", tutte cose che truppe siriane, milizie palestinesi, agenti iraniani e terroristi Hezbollah non si sognano minimamente di fare. Né viene riportata la Dichiarazione del 18 giugno 2000 con cui il Consiglio di Sicurezza certificava che "Israele ha ritirato le sue forze dal Libano in conformità con la risoluzione 425".
Ancora più curioso il fatto che l'elenco delle risoluzioni viene fatto iniziare con la n. 93 del 18 maggio 1951. Eppure il conflitto arabo-israeliano scoppia almeno tre anni e mezzo prima, con il rifiuto arabo della risoluzione di spartizione 181 dell'Assemblea Generale dell'Onu (29.11.47) e l'attacco degli eserciti arabi a Israele. Prima della 93 (1951) a noi risultano non meno di 21 risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, tra cui quelle - ufficialmente respinte dai governi arabi - che chiedevano il cessate il fuoco e il rispetto della 181.
Non manca, invece, la risoluzione 487 del 19 giugno 1981: quella che condannava "con forza" la distruzione del reattore nucleare iracheno di Osirak da parte dell'aviazione israeliana. Una risoluzione che, riletta oggi, basta da sola a screditare l'Onu agli occhi degli israeliani e di chiunque abbia a cuore la pace e la stabilità internazionali.
Resta da fare un'ultima considerazione, di carattere storico-politico. Tutti sanno che i paesi arabi, ripetutamente sconfitti in campo aperto, hanno fatto costantemente ricorso al terrorismo (dai feddayin degli anni '50 fino agli Hezbollah degli anni '80 e '90) per esercitare una continua pressione militare ai confini e all'interno dello Stato di Israele. L'hanno fatto organizzando, finanziando, addestrando, capeggiando varie formazioni "guerrigliere" palestinesi, nella consapevolezza che l'Onu avrebbe dovuto per forza condannare le "violazioni" delle linee d'armistizio fatte da uno Stato (Israele), ma non avrebbe mai potuto condannare allo stesso modo le "violazioni" (infiltrazioni, attentati, stragi di civili) fatte da formazioni irregolari (i terroristi) che provocavano la reazione d'Israele. Un trucco palese, persino dichiarato, che non inganna più nessuno. Salvo i "volonterosi" autori del documento e i loro sfortunati lettori.
(da israele.net, marzo 2003)

Anche se so per certo che non tutti ne trarranno insegnamento, ritengo tuttavia utile offrirvi questo spunto di riflessione.


barbara




permalink | inviato da il 19/6/2006 alle 15:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA