.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


30 aprile 2006

PICCOLO - E UN PO' SGANGHERATO - DIZIONARIO MASSMEDIOLOGICO DEL MEDIO ORIENTE

Questo mio piccolo divertissement è stato scritto per informazione corretta nella primavera del 2002, all’epoca dell’operazione “scudo di difesa”.

ATTIVISTA
comunemente:
persona che si prodiga per una causa sociale (es.: gli attivisti di Green Peace)
per gli inviati in Israele:
persona che riduce in brandelli vecchi e bambini

GUERRIGLIERO
comunemente:
combattente che, non potendo affrontare a viso aperto i soldati di un esercito più forte, li attira in imboscate
per gli inviati in Israele:
vedi alla voce "attivista"

KAMIKAZE
comunemente:
militari che, con insegne militari ben visibili, colpivano obiettivi militari
per gli inviati in Israele:
terroristi che, travestiti e mimetizzati, colpiscono obiettivi civili

DEPORTAZIONE
comunemente:
trasferimento coatto di una persona lontano dalla madrepatria
per gli inviati in Israele:
trasferimento di palestinesi in territorio palestinese

ESILIO
comunemente:
condizione di chi è costretto a lasciare la patria - per lo più per reati di opinione o per ostilità da parte di chi governa
per gli inviati in Israele:
rinuncia da parte di uno stato a catturare e processare dei pericolosi terroristi, allo scopo di favorire la soluzione di una drammatica crisi provocata dai terroristi stessi

TERRORISTA

comunemente:
persona che usa il terrore come metodo di lotta, uccidendo civili innocenti
per gli inviati in Israele:
persona che usa il terrore come metodo di lotta, uccidendo civili innocenti non ebrei

PRESUNTO
comunemente:
ritenuto tale, ma non accertato o provato
per gli inviati in Israele:
tutto ciò che è definito tale da Israele, anche se è accertato e provato

MASSACRO
comunemente:
uccisione di un grandissimo numero di persone, per lo più innocenti
per gli inviati in Israele:
uccisione in battaglia di una quarantina di terroristi e una decina di civili di cui i terroristi si erano fatti scudo

STERMINIO
comunemente:
distruzione di un'intera comunità
per gli inviati in Israele:
vedi alla voce "massacro"

GENOCIDIO
comunemente:
distruzione di un intero popolo
per gli inviati in Israele:
vedi alla voce "massacro"

OLOCAUSTO
comunemente:
sacrificio totale. Generalmente usato per indicare la distruzione di sei milioni di ebrei da parte del nazismo
per gli inviati in Israele:
vedi alla voce "massacro"

FOSSA COMUNE
comunemente:
grande scavo nel terreno per contenere centinaia o migliaia di cadaveri
per gli inviati in Israele:
non ci sono, ma ve lo raccontiamo lo stesso

"...."
comunemente:
per indicare un uso inconsueto di un termine, o per segnalare una presa di distanza
per gli inviati in Israele:
per indicare tutte le definizioni di fonte israeliana

INDICATIVO
comunemente:
modo verbale usato per riferire fatti certi e provati
per gli inviati in Israele:
modo verbale usato per riferire tutte le notizie di fonte palestinese

CONDIZIONALE
comunemente:
modo verbale usato per riferire notizie di cui si dubita
per gli inviati in Israele:
modo verbale usato per riferire tutte le notizie di fonte israeliana

CECCHINO
comunemente:
tiratore scelto che spara stando nascosto
per gli inviati in Israele:
tiratore scelto israeliano che sta appollaiato in cima a una gru

MARTIRE
comunemente:
persona che sacrifica la propria vita in nome di una fede religiosa (i martiri cristiani) o di un alto ideale civile (Jan Palach)
per gli inviati in Israele:
persona profumatamente pagata per assassinare il maggior numero possibile di ebrei

INCURSIONE

comunemente:
attacco di mezzi armati, soprattutto aerei, su territorio nemico; genericamente anche a scopo di furto o rapina
per gli inviati in Israele:
ogni azione di polizia condotta dall'esercito israeliano allo scopo di catturare terroristi e/o prevenire ulteriori azioni terroristiche su civili israeliani

RAPPRESAGLIA
comunemente:
risposta a un atto illecito del nemico, compiuta moltiplicando in misura variabile il numero delle vittime, scelte a caso fra la popolazione civile
per gli inviati in Israele:
distruzione di strutture terroristiche e arresto - eventuale uccisione in caso di resistenza armata - di terroristi

OPPOSITORI POLITICI
comunemente:
persone di opinione contrastante con la linea di governo
per Lamberto Dini:
terroristi assassini

RIFUGIATI POLITICI
comunemente:
persone perseguitate per reati di opinione e non macchiatesi di reati di sangue che cercano rifugio in un altro stato
per Paolo Cento:
terroristi assassini che Israele ha rinunciato a processare allo scopo di liberare una chiesa dai suddetti che vi si erano asserragliati

LUNGA E DIFFICILE ESPERIENZA
comunemente:
per esempio una gravissima e penosa malattia o la convivenza con un disabile
per Nemer Hammad:
l'irrompere armati in una chiesa e restarvi asserragliati per quasi un mese e mezzo tenendovi dei religiosi come ostaggi e derubandoli di tutto

Ed è (anche) con questa sistematica manipolazione del linguaggio – oltre che con tutti gli altri espedienti che da decenni ormai vediamo in atto e inutilmente continuiamo a denunciare - che si forma un’opinione pubblica ostile.

barbara

Aggiornamento: muffin suggerisce:
MILITANTE
comunemente: attivista, persona che si impegna attivamente per una causa politica, sociale, religiosa etc.
per gli inviati in Israele: persona che usa il terrore come metodo di lotta, uccidendo civili innocenti (pur di non dire "terrorista")

Aggiornamento 2: il grande Toni suggerisce:
INSEDIAMENTO
comunemente: agglomerato urbano abitato da ebrei-israeliani (gli ebrei non israeliani nell'area sono una razza estinta) in territori contesi
per gli inviati in Israele: qualsiasi posto su cui cade un razzo Kassam

Aggiornamento 3: il grande Toni suggerisce:
CARRIARMATI
comunemente:
carriarmati
per gli inviati in Israele: i carriarmati con la Stella di David

AEREI
vedi sopra (mentre nessuno si è mai sognato di dare connotazioni religiose ai fucili con Cristi e Madonne incisi sul calcio, con cui i maroniti libanesi andavano a compiere le loro stragi, ndb).

Aggiornamento 4: esperimento suggerisce:
IL MURO DELLA VERGOGNA
comunemente:
impossibile dare una definizione perché non esistono precedenti. Possiamo ipotizzare, se qualcuno dovesse decidere di inaugurare il filone, il muro che chiudeva gli ebrei nei ghetti o quelli delle ambasciate in Argentina durante la dittatura, che hanno impedito a migliaia di giovani di salvarsi la vita
per gli inviati in Israele: barriera costituita per circa il 5% da muro e per il restante 95% da rete metallica, atta ad impedire l’ingresso ai terroristi

Aggiornamento 5: silverlynx suggerisce:
SOLDATI DI [nome proprio]
comunemente: milizie armate facenti gli interessi di un "signore della guerra"
per inviati in Israele: soldati delle forze armate dello Stato di Israele ("i soldati di Sharon")




permalink | inviato da il 30/4/2006 alle 15:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (25) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo        maggio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA