.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


20 aprile 2006

A PROPOSITO DI CIVILI

Questo studio è di alcuni anni fa, pertanto le cifre assolute sono – purtroppo – fortemente cambiate. Non sono tuttavia variate le proporzioni, che rimangono tuttora valide. Mi permetto di attirare l’attenzione sul fatto che i dati, per quanto riguarda i palestinesi, non sono stati forniti da una qualche lobby sionista, bensì da organizzazioni palestinesi.

Se è vero che sono morti più Palestinesi che Israeliani in questi 2 anni di violenza instaurata dai Palestinesi stessi, è ugualmente vero che la maggior parte di quei morti erano terroristi o "militanti", in azione o alle prese con esplosivi; inoltre, fra quelle cifre sono inclusi anche Palestinesi giustiziati da altri Palestinesi, in scontri fra bande avversarie, o perché "collaboratori del regime sionista" (termine che sta a indicare chiunque possa risultare scomodo ad Arafat).


Secondo il Jerusalem Media & Communications Center, un'organizzazione palestinese di ricerca, fra settembre 2000 e maggio 2002 sono state uccise 37 donne palestinesi, il 2,8% dei palestinesi uccisi in questo periodo.
Nello stesso periodo, secondo le cifre fornite dal Ministero degli Affari Esteri Israeliano, sono state uccise 126 donne israeliane, il 25% del totale.
Il Palestinian Monitor, un altro gruppo di ricerca palestinese, registra che l' 11,7% delle vittime palestinesi è costituito da bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni.
La percentuale dei minori di 15 anni fra gli Israeliani uccisi dal fuoco palestinese ammonta invece al 57,7%.
In altre parole:
9 donne israeliane uccise per ogni donna palestinese: rapporto 9 a 1.
5 bambini israeliani uccisi per ogni bambino palestinese: rapporto 5 a 1.
La morte di ogni civile innocente, donna o bambino che sia, è sempre un episodio triste e doloroso, ma c'è una grande differenza nel valutare il modo in cui essi trovano morte.
Non esistono casi di donne o ragazzini israeliani morti per essersi fatti esplodere con cinture esplosive. Né ci sono casi in cui essi sono morti trasportando bombe o altro materiale esplosivo. Né ci sono casi in cui donne o bambini israeliani siano stati usati come scudi umani da uomini armati o militanti israeliani.
La grande differenza che non risulta dalle statistiche è che le donne e i bambini israeliani sono morti perché colpiti a morte deliberatamente come nemici bersaglio dell'offensiva palestinese.

Un’altra cosa che non è messa in risalto in questo studio è che i combattenti israeliani sono sempre in divisa, mentre i combattenti – terroristi o comunque altro li si voglia chiamare – palestinesi non lo sono mai, permettendo così ai loro sostenitori di spacciarli per civili.


barbara




permalink | inviato da il 20/4/2006 alle 17:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (39) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo        maggio
 
 




blog letto 5727866 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA