.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


10 marzo 2006

POLACCHI E NO

La signora Anna Barbara Pastuszka, polacca, scrive al Corriere della Sera la seguente lettera:

Caro Romano, vorrei esporre una questione che offende profondamente noi polacchi: spesso, sui mezzi di informazione italiani si definisce Auschwitz, famigerato campo di stermino nazista, con la dizione «lager polacco». L’espressione non è solo semanticamente ambigua, essendo anche del tutto falsa. Auschwitz, infatti, dopo l’annessione del 1939, era parte integrante del territorio del Terzo Reich. Dopo lo scellerato patto Ribbentrop-Molotov, la Polonia, occupata e spartita fra nazisti e sovietici, non esisteva più come nazione. Auschwitz, dunque, anche geograficamente apparteneva al Terzo Reich. Di nostro, in quel lager ci furono soltanto migliaia di vittime polacche, fra cui Massimiliano Kolbe.

E tre milioni di ebrei polacchi no, eh? Gli ebrei polacchi non meritano la qualifica di polacchi, vero? Forse neanche quella di esseri umani, meritano, tanto è vero che si sono prodigati fino allo spasimo, i polacchi, a consegnare ai nazisti quegli Untermenschen. E i partigiani rifiutavano di accogliere tra le loro file i volontari ebrei. E rifiutavano di vendere armi ai resistenti del ghetto. E quando tutto stava ormai finendo accorrevano in massa, i bravi cittadini ariani di Varsavia, a vedere lo spettacolo del ghetto che bruciava insieme agli ultimi eroici resistenti ebrei. E quando, alla fine di tutto, qualche scheletro che ancora respirava è uscito dal “famigerato campo di sterminio nazista” i bravi cittadini polacchi li hanno accolti a sassate. A volte anche a colpi di pistola. Vero, la Polonia occupata e spartita non esisteva più come nazione. Ma i polacchi, purtroppo, insieme al loro incrollabile antisemitismo, non hanno cessato di esistere. (E di Tommaso ancora niente. A suo padre, nel frattempo, hanno trovato nel computer centinaia di file pedopornografici. Li raccoglieva per fare una denuncia, ha detto: forse aspettava di arrivare a 1000 per fare bingo).

barbara




permalink | inviato da il 10/3/2006 alle 17:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (33) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA