.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


1 febbraio 2006

VISTO? NON È CAMBIATO NIENTE

Qualcuno si è preoccupato: oddio, hanno vinto i terroristi! Vero: hanno vinto i terroristi. Ma se avessero vinto gli altri, quale sarebbe stata la differenza? Qualcuno ha precisato: loro vogliono distruggere Israele, c’è scritto anche nel loro statuto. Vero, Hamas è nato all’unico scopo di distruggere Israele e c’è scritto nel loro statuto. E la controparte? Si chiama OLP: organizzazione per la liberazione della Palestina. Nata nel 1964. Quando NON c’erano territori occupati. Quando l’unico territorio occupato da Israele era lo stato di Israele. E basterebbe già questo da solo per dimostrare che l’OLP è nato all’unico scopo di distruggere Israele. E oltre quarant’anni di storia sono lì a confermarlo. Così come è lì a dimostrarlo la costituzione di Al Fatah (link a lato), principale corrente dell’OLP, che contiene tuttora tutti gli articoli che prevedono la distruzione di Israele. Qualcuno ha detto: ah, ma adesso almeno finirà l’ambiguità. Adesso finalmente l’Europa aprirà gli occhi. Adesso finalmente si chiariranno i giochi e si metteranno le carte in tavola. Niente di più falso. Per anni abbiamo finanziato la cricca di Arafat, per anni li abbiamo riempiti di soldi affinché potessero finanziare il terrorismo, affinché potessero costituirsi conti miliardari, affinché nutrissero la corruzione, affinché distruggessero un intero popolo (il loro) e mettessero a repentaglio l’esistenza di un altro e seminassero, dall’una e dall’altra parte, morte e distruzione. E ora? Abbiamo già cominciato a sentirle, le solite cariatidi: dopotutto hanno vinto le elezioni – e qualcuno ha addirittura la spudoratezza di chiamarle democratiche. Dopotutto la loro vita si regge unicamente sui nostri soldi. Dopotutto se li irritiamo potrebbero fare di peggio (di peggio? Come i nazisti se il papa si fosse pronunciato contro di loro?). Dopotutto ci sono loro ed è con loro che bisogna trattare. Dopotutto possiamo sempre sperare che cambino. Dopotutto dobbiamo giudicare dai fatti, non dai proclami (cioè, finora abbiamo scherzato, il migliaio di comparse israeliane che hanno recitato la parte dei morti, le molte migliaia che hanno recitato la parte dei feriti e dei mutilati si rialzino e tornino a casa, che adesso si comincia sul serio). Dopotutto magari potrebbero anche impegnarsi a rispettare una hudna, e se poi non la rispettano pazienza, vorrà dire che Israele se lo è meritato. E quando la hudna in ogni caso finirà – perché naturalmente lo sappiamo benissimo che la hudna può essere solo temporanea, sappiamo benissimo che la hudna è concepibile unicamente come tregua per riarmarsi quando il nemico è troppo forte per poter essere battuto subito – quando la hudna finirà, dicevo, aspetteremo le reazioni israeliane e poi protesteremo per l’uso sproporzionato della forza, e chiederemo qualche bella risoluzione Onu. E la sagra dell’ipocrisia continua.

barbara




permalink | inviato da il 1/2/2006 alle 0:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (48) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA