.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


26 novembre 2005

MA DOBBIAMO PROPRIO?

David Farr, il regista, nega: «Le mie scelte non riguardano la politica di oggi, ma servono solo a mettere a fuoco il personaggio». Non ci spiega, però, in quale modo il togliere a un personaggio battute ed azioni fondamentali decise dal suo autore serva a meglio metterlo a fuoco. Non ci spiega, poi, perché proprio l’eliminazione di certe battute e di certe azioni sia così straordinariamente funzionale alla messa a fuoco del suddetto personaggio: se il Tamerlano di Marlowe è caratterizzato dal fatto di essere talmente assetato di potere da sfidare la divinità, in che modo lo si rende più vero – più a fuoco – togliendo la sfida alla divinità? A giustificare l’ingiustificabile si cimenta anche Simon Reade, il direttore artistico, che spiega: «Marlowe non sfidava i musulmani, bensì il teismo. In un Paese cristiano, o israelita, o indù, avrebbe attaccato altri Dèi». Sembra però dimenticare, il signor Reade, che Marlowe era cristiano e scriveva in un Paese cristiano, e la pezza dunque non tiene. E chiunque trova scorretto offendere la sensibilità dei musulmani farebbe bene a ricordare quante opere potrebbero offendere, e spesso di fatto offendono, la sensibilità dei cristiani; quante opere potrebbero offendere, e spesso di fatto offendono, la sensibilità degli ebrei: nessuno ha mai pensato che ciò fosse una buona ragione per censurarle. Nessuno ha mai censurato “Il mercante di Venezia” o “Mistero buffo”, nessuno ha assassinato i registi di “L’ultima tentazione di Cristo” e di “La passione”. E io mi chiedo: in casa nostra ormai comandano loro, d’accordo, questo ormai lo sappiamo; ma dobbiamo proprio offrirgli il nostro posteriore su un piatto d’argento?

barbara




permalink | inviato da il 26/11/2005 alle 0:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (79) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 5656088 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA