.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


25 novembre 2005

INSALATA MISTA

Ammazzata come un cane

«Io ti ammazzo a te e a tua madre». E lo sapeva bene, Debora, che non erano spacconate. Lo sapeva che prima o poi lo avrebbe fatto, per questo continuava a denunciarlo: inutilmente. Perché per arrestare uno, in Italia, bisogna che le minacce si concretizzino. Bisogna farsi ammazzare. E così, dopo una violenza sessuale quando era ancora quasi bambina, dopo anni di persecuzioni, Debora è finita ammazzata. In mezzo a una strada. Come un cane. E adesso sì, adesso finalmente hanno potuto arrestarlo. Abbiamo visto la foto, in mezzo ai carabinieri, con un orrido, laido sorriso sulla faccia. Identico a quello che avevamo visto sulla faccia di Angelo Izzo, trent’anni fa, dopo il “massacro del Circeo”; e di nuovo gliel’abbiamo rivisto recentemente quando, mandato fuori di galera perché “si era ravveduto”, è immediatamente tornato ad uccidere. Ora Emiliano Santangelo sarà processato. Data l’evidente premeditazione sarà condannato all’ergastolo; poi farà ricorso, in appello gli daranno trent’anni e dopo vent’anni capiranno che si è ravveduto, e lo manderanno in giro a far fuori qualche altra ragazzina dagli occhi dolci e dalla faccia pulita.


Le camere a gas esistono

Ebbene sì: il signor David Irving, ha detto il suo avvocato, ha scoperto che le camere a gas sono effettivamente esistite. Ha fatto ricerche negli archivi di Mosca e vi ha trovato documenti che provano l’esistenza “della macchina di sterminio nazista”. E ha così “scoperto che le camere a gas c’erano”. E, alla luce di queste scoperte, ritiene non più sostenibili le sue precedenti affermazioni. E poi venite a dirmi che un po’ di galera non fa un gran bene.


Pinochet arrestato per evasione fiscale

Ve lo ricordate, qualche anno fa, quando è tornato in patria dopo che in Inghilterra si era dovuto rinunciare a processarlo perché era praticamente moribondo? Portato giù dall’aereo in sedia a rotelle, appena toccato terra si era alzato e quasi correndo era andato ad abbracciare i suoi fedelissimi. Credeva, forse, di avere definitivamente beffato la giustizia con la sua recitazione del moribondo, ma ora è agli arresti domiciliari:
corruzione, uso di passaporti falsi, evasione fiscale per 2,4 milioni di dollari, queste le accuse. E senza più il riparo dell’immunità parlamentare, toltagli con un voto del Parlamento il 14 settembre scorso. E potrebbe arrivare a giorni la notizia di una seconda incriminazione, per l’assassinio di 119 attivisti di sinistra nel luglio 1975: i deputati di Santiago hanno stabilito che si può processare. Come spiega Mara Gergolet sul Corriere della Sera, «La vicenda della frode fiscale è, tuttavia, molto più di un’accusa marginale. E’, agli occhi di molti dei suoi sostenitori che l’hanno continuato a vedere come “difensore” dal comunismo anche dopo l’uscita di scena nel ’90, la prova della natura dispotica di quel regime. L’inchiesta ha svelato un tesoro personale del dittatore di 27 milioni nascosto su 115 conti esteri, tra Washington, Inghilterra, Gibilterra e altri paradisi fiscali. Una ragnatela, che s’è iniziata a dipanare per merito del Senato Usa: erano di Pinochet gli 8 milioni trovati alla Riggs Bank di Washington durante un’inchiesta antiriciclaggio. I giudici cileni hanno fatto il resto». L’ex dittatore spiega che si è solo dimenticato di pagare le tasse, ma che quei soldi sono onesti e puliti. C’è tuttavia chi sta indagando anche sulla provenienza di quel denaro.
Di solito è con rammarico che si dice che “l’erba cattiva non muore mai”; a volte però è bello vedere un’erba cattiva vivere abbastanza a lungo da potere almeno assaporare il gusto della giustizia.

barbara




permalink | inviato da il 25/11/2005 alle 0:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA