.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


10 novembre 2005

RICORDI DI SOMALIA 2

Trovare casa a Mogadiscio

Se vai a Mogadiscio per la prima volta, è un problema: non sai a chi rivolgerti, non sai dove andare, non sai come funzionano queste faccende. Ma se ci stai tornando per la seconda volta, è tutto molto più semplice: telefoni al padrone di casa di qualche amico o collega dell'anno prima, dici che stai per arrivare, chiedi se ha una casa libera. Naturalmente, ti dice, per te ho sempre una casa libera. Gli chiedi se devi mandargli un anticipo, e la tua proposta quasi lo offende: non c'è problema, ti dice, io sono tuo cliente. Mandando in crisi chi non conosca il doppio significato del termine “cliente” in lingua somala.
Così tu parti sereno e fiducioso. E stanchissimo e sudato, ma altrettanto sereno e fiducioso, arrivi a Mogadiscio. Incontri il "tuo” padrone di casa, e gli chiedi di accompagnarti alla tua abitazione. Lui ti guarda un po’ imbarazzato, quasi stupito per la tua domanda, si gratta la pelata, poi esordisce: "Ecco, veramente, per adesso la casa non c'è”. "Non c'è?” "Non c'è". "Come non c'è?” "Non c'è". Inutile tentare ulteriori indagini, tanto poi il risultato resta sempre lo stesso: la casa non c'è. Ma niente paura, la casa la troverai, perché a questo punto si scatena la sarabanda dei mediatori: in due, in tre, in quattro ti si affollano intorno, ti portano in giro, giorno dopo giorno, a vedere case, una dopo l'altra. Te ne mostrano una proprio carina, ma proprio tanto, peccato che non te la possano dare, perché è già affittata. Ti mostrano una specie di magazzino con, come unico arredamento, grandi cumuli di calcinacci e spazzatura. Però, ti assicurano, se ci fai mettere la luce e l'acqua viene proprio bellina. Te ne mostrano una che però dentro non si può vedere, perché le chiavi non ci sono, e il padrone non c'è, e poi forse non è neanche da affittare. Alla fine trovi la casa dei tuoi sogni: piccolina, carina, ben arredata, con un bellissimo giardino e un patio ancora più bello. Però devi pazientare: sarà libera solo fra un paio di settimane. E intanto tu continui a restare accampato, profugo, da qualche parte, aspettando che la casa si liberi. Dopo due settimane, finalmente, riesci a entrarci, e dopo un mese, se ti va bene, riesci anche a scoprire chi sia il tuo padrone di casa.
E il mediatore? Non vuole soldi, non vuole niente. In compenso continua a girarti per casa, a invitarti a pranzo, a invitarti a cena, a invitarti al mare: era meglio se ti presentava la parcella. In scellini somali.



barbara




permalink | inviato da il 10/11/2005 alle 23:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA