.
Annunci online

ilblogdibarbara
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza


Diario


22 ottobre 2005

MA QUALE SCANDALO?

Dice il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso che la latitanza di Provenzano ha goduto di autorevoli coperture: «Rappresentanti delle istituzioni, politici, imprenditori, forze di polizia», e immediatamente si scatena la bagarre. Immediatamente si insorge. Immediatamente si grida allo scandalo. Sembra che questi professionisti dell’insorgenza godano di cospicui vuoti di memoria. Sembra che si siano dimenticati di quando Tommaso Buscetta fece a Giovanni Falcone il nome del capo della polizia, e immediatamente dopo Falcone venne ucciso. Sembra che abbiano dimenticato che poi Buscetta fece lo stesso nome a Paolo Borsellino, e immediatamente dopo Borsellino venne ucciso. Sembra che abbiano dimenticato che, come poi risultò, in tutti gli anni in cui quel signore fu a capo della polizia non ci fu un solo arresto di boss mafiosi; che ogni volta che veniva organizzato un agguato, i poliziotti arrivavano e trovavano che gli uccelli avevano già preso il volo; che l’unica volta che vi fu una bella operazione di polizia contro la mafia, fu quando il vice di quel signore organizzò tutto a sua insaputa, assicurandosi che nessuno degli agenti coinvolti si lasciasse sfuggire una sillaba su quanto si stava preparando; che a partire dal momento in cui quel signore fu arrestato, la polizia riprese ad arrestare mafiosi. Sembra che si siano anche dimenticati di quando un giudice di Cassazione andò avanti per anni ad annullare processi di mafia – cinquecento riuscì ad annullarne – con motivazioni quali: era stato impresso a un documento un timbro a inchiostro invece che il regolamentare timbro a secco; dei tre avvocati di un unico studio forense, solo due erano stati personalmente informati sulla data dell’udienza, e altre simili amenità. Cinquecento processi annullati, migliaia di boss mafiosi dalle mani grondanti di sangue mandati liberi. Sembrano anche ignorare, i suddetti insorgenti, che se un giudice può permettersi di condurre per anni consimili giochetti, si può non del tutto irragionevolmente ipotizzare che a sua volta disponga di discrete coperture da parte di chi sta più in alto di lui e ha sufficiente autorità e competenza in materia. Ci si dichiara inorriditi, dunque. Non dal re che oscenamente gira nudo, bensì dal bambino che punta il dito su di lui. Vergogna, signori, vergogna a tutti voi.

barbara




permalink | inviato da il 22/10/2005 alle 23:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
sfoglia            novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

siti
foto e filmati
blog
.
I MIEI POST
Israele, documenti e riflessioni
Comunicati HonestReportingItalia
islam
donne
addii
ricorrenze
cose di ebrei
i miei libri
cose mie
cose così
chicche
post speciali
sveglia!
in Israele
Somalia
La luna e il suo bardo


ilblogdibarbara@gmail.com 

Un proposito:
io vedo, io sento, io parlo.
 

 
Hadas Fogel, colona ebrea di mesi 3, giustiziata (sgozzata) a Itamar l'11 marzo 2011 dai combattenti per la libertà palestinesi





MEGLIO UN MURO OGGI
CHE UN ATTENTATO DOMANI

Ugo Volli

”Tu dichiari, amico mio, di non odiare gli ebrei, di essere semplicemente ‘antisionista’. E io dico: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei. E che cos’è l’antisionismo? È negare al popolo ebraico un diritto fondamentale che rivendichiamo giustamente per la gente dell’Africa e accordiamo senza riserve alle altre nazioni del globo. È una discriminazione nei confronti degli ebrei per il fatto che sono ebrei, amico mio. In poche parole, è antisemitismo… Lascia che le mie parole echeggino nel profondo della tua anima: quando qualcuno attacca il sionismo, intende gli ebrei, puoi starne certo.” M.L. King




Israele e il mondo arabo


Lo stato ebraico e il mondo islamico





Ruth Halimi – Émilie Frèche, 24 giorni La verità sulla morte di Ilan Halimi, Belforte
Trad. Barbara Mella, Elena Lattes, Marcello Hassan





Questo è Leone, e ha la bella età di tre ore


gatto sionista

Occhio alla piovra giudaica!









QUESTO BLOG È SIONISTA










... e invece niente

 Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11 


Non riuscirete a fermarci!










Anna Politkovskaja: non perdoniamo
e non dimentichiamo




Reduci dai campi di sterminio nazisti





giù le mani dalle donne








Make love, not peace!




Poesia pura



Locations of visitors to this page


        questa sono io


questa è una cosa che amo


     e questa è un'altra



Pillole di saggezza
Take it easy. But take it.

La miglior vendetta è la vendetta.


Sholem Aleichem
Cantico dei Cantici
ed. Belforte
traduzione di Sigrid Sohn e Barbara Mella


sessantenne d'assalto
   

CERCA